Marchio Ford
io la penso così ...
Ultimo aggiornamento agosto 2017. Dire che tutte le Ford hanno un loro perché è banale, in quanto questa Casa automobilistica segue da sempre una strada che premia il value for money, cioè il rapporto qualità-prezzo. Si pensa sia più pertinente affermare che la maggioranza dei prodotti Ford di oggi ha fatto un salto qualitativo superiore a ogni più rosea aspettativa, tanto da portarsi a livello delle vetture premium. La nuova Mondeo, ad esempio, seppur abbia avuto una lunghissima gestazione e nell’assemblaggio carrozzeria non sia un esempio da seguire per le ampie tolleranze è, però, un’automobile davvero ben fatta alla voce dinamica di marcia e comfort. La Mondeo infatti stupisce non solo se la si sceglie nell’allestimento Vignale con i sedili dal massaggio deciso. I nuovi motori ora molto potenti sono piacevolissimi e grazie ad una architettura sofisticata della sovralimentazione consumano poco in rapporto alle prestazioni che offrono e, complice un capace serbatoio, garantiscono elevate autonomie che saranno apprezzate da chi fa tanta strada. Ora che anche Mercedes per alcuni modelli ha introdotto serbatoi mignon per avere dati omologativi più performanti, segnalare chi è attento al consumatore è molto importante. In più ci sono le versioni a trazione integrale che danno un valore aggiunto non indifferente per chi si muove su terreni a ridotta aderenza. Non paga Ford ha anche inserito in gamma una versione ibrida della Mondeo, molto riuscita. Quindi nel settore delle grandi berline e station wagon Ford ha ora un prodotto vincente. Così come sono interessanti i SUV: dalla Kuga al nuovissimo Edge. Quest’ultimo può essere una vera spina nel fianco per le Sport Utility più blasonate, perché ha un prezzo intrigante se si considerano dimensioni e contenuti. Silenziosissimo, veloce, nasce su una base americana ma ben adattata alle esigenze del consumatore europeo più sofisticato quindi con freni adeguati, sospensioni ben frenate, sterzo reattivo. Già la versione 2.0 Diesel da 179 cavalli è adeguata. Ancora super valida è la Kuga, presentata nel 2012. E’ comoda, sta bene in strada, ha una gamma motori ben articolata in grado di soddisfare qualsiasi esigenza. Sempre nel settore famigliari Ford ha anche due prodotti freschissimi: la S-Max e la Galaxy mentre la gamma C-Max è stata da poco aggiornata anche con nuovi motori decisamente performanti. La nuova generazione di Fiesta cambia ancora marcia per andare incontro alle mutate esigenze di un mondo sempre più schizofrenico, per dare a ognuno quello che si aspetta. Perché mai c’è stata nella sua lunga storia una Ford Fiesta così grande; perché mai una Ford Fiesta ha dato così tanto e mai una Ford Fiesta si è proposta in così tante varianti, compresa una più alta e con passaruota protetti che però arriverà nel 2018. Ma soprattutto la nuova Ford Fiesta si è affinata nella meccanica e dopo averla guidata si può dirne solo che bene, anche perché alla voce comfort (acustico e sospensivo) il passo fatto è di quelli importanti. Più lunga di 7 centimetri,  ora supera i quattro metri, a girarle intorno colpiscono gli specchietti retrovisori rivisitati e posizionati in basso che liberano la vista sul ¾ anteriore; si apprezza la nervatura sul tetto che riduce il rischio di essere investiti dall’acqua nelle giornate piovose quando si scende o quando si apre il finestrino come capita su molte altre concorrenti; piace la chiusura delle porte facilitata da una ingegnerizzazione accurata. All’interno c’è davvero tanto spazio per tutti, con volante regolabile in altezza e profondità per far trovare la migliore posizione a chi comanda. I materiali dei sedili e della plancia sono ricercati, meno quello dei pannelli porta, rivestiti di una plastica non certo da punto di riferimento. Altra nota poco intonata la strumentazione: si fatica a leggere nelle giornate di sole forte, soprattutto quella digitale. Il bagagliaio offre 300 litri di volumetria: non male ma c’è chi fa meglio, in primis la nuova Seat Ibiza. La gamma motori prevede l’1.1 a iniezione indiretta semplice e poco costoso con potenze da 70 o 85 cavalli; l’1.0 a iniezione diretta e turbo con potenza da 100, 125 e 140 cavalli straordinario e non per niente premiato per sei anni come miglior motore della sua categoria; il diesel 1.5 a quattro cilindri con potenze da 85 o 120 cavalli. I più potenti hanno cambio a sei marce e quattro freni a disco, gli altri cinque marce e impianto frenante misto dischi/tamburi. Le carreggiate allargate di 3 cm davanti e 1 cm dietro, corredate di gomme generose, ben si percepiscono non appena si affronta una serie di curve, perché la velocità di percorrenza è sensibilmente maggiore. Lo sterzo è reattivo ai comandi mentre tutti i motori stupiscono per l’elasticità e la buona coppia ai bassi regimi che comporta un uso limitato del cambio. Vivendola quando le sue ruote girano sembra di stare su un’auto di segmento superiore e questo piace molto. Le versioni Titanium e Vignale sono comode navicelle perché hanno assetti morbidi e “filtra tutto”. Le versioni ST sono invece più basse, hanno molle specifiche e barre più grosse che le fanno stare piatte in curva con livelli di tenuta laterale molto alti. Lo sterzo delle ST line è più reattivo, c’è un inserimento prontissimo, sono per chi vuole andare svelto. Mettendola a confronto con il modello che lascia la scena, colpisce che il prezzo non cambi seppur offra di più come dotazione, dal touch screen al lane departure warning e sia davvero tutta un’altra storia. Per quanto riguarda i prezzi di listino, la nuova Ford Fiesta 2017 parte da più di 14 mila euro ma ci sono importanti sconti tanto che si può acquistare anche per poco meno di 11 mila euro. Attenzione al programma IdeaFord: sulla nuova Fiesta non è niente male perché ha rate basse e scatti ridotti (solo 20 euro in più al mese per avere il Diesel al posto del benzina pari potenza o soli 10 euro per avere il cambio automatico) e lascia abbastanza libertà, pertanto per chi intende cambiare spesso l’auto può rivelarsi una proposta interessante. Per chi è “nato stanco” c’è anche una versione con cambio automatico a sei rapporti con convertitore, prodotto in Cina ma solo se si sceglie a benzina con 100 cavalli. Ford offre il nuovo cambio automatico con convertitore (per noi il migliore automatico, molto meglio dei doppia frizione) con poca spesa in più e consente a tutti di scoprirne i pregi. In definitiva la nuova Fiesta la si consiglia. In poche parole Ford è oggi una Casa automobilistica con prodotti da tenere molto in considerazione, perché nettamente migliori rispetto a quelli di tanti concorrenti che una volta scoperti portano anche a farsi la seguente domanda: perché pagare di più quando a meno si può avere di più?
 
 
 
KA 2008
 
Fiesta 2008 restyling 2012
 
B Max 2012
 
Focus  2011 restyling 2014
 
Focus Wagon 2011 restyling 2014
 
C-Max 2010 restyling 2015
 
C-Max7 2011 restyling 2015
 
Mondeo 2014
 
Mondeo Wagon 2014
 
S-Max 2015
 
Galaxy 2015
 
Mustang 2015
 
Tourneo Curier 2014
 
Tourneo Connect 2013
 
Tourneo Connect 7
 
Eco Sport 2013
 
Kuga 2012
 
Edge 2015
 
Ranger  2012